L’interpretazione dei sogni nella storia

L’interpretazione dei sogni da parte degli esperti di sogni può essere antica quasi quanto il sogno stesso. Sappiamo che tutti gli esseri umani e molti animali sognano ogni notte e gli esseri umani sono sempre stati affascinati dall’apprendere cosa causa i sogni e cosa significano.

L’interpretazione dei sogni risale almeno al 3000-4000 a.C. Lo sappiamo perché le interpretazioni dei sogni sono state registrate in forma permanente, ad esempio, sulle tavolette di argilla. Si pensa che molti popoli primitivi inizialmente non fossero in grado di distinguere tra il mondo reale e il mondo onirico. In molti casi, queste persone consideravano il mondo onirico come un’estensione del mondo fisico che li circondava, e in molti casi vedevano il mondo onirico più potente di quello della veglia.

L’interpretazione dei sogni era un campo così importante per il mondo greco e romano antico che gli interpreti dei sogni spesso accompagnavano generali e altri capi militari nelle battaglie. I sogni erano presi molto sul serio, e i Greci e i Romani in particolare spesso consideravano i sogni come messaggi inviati dai loro dei.

I sogni avevano anche un contesto religioso nell’antico Egitto e lì i sacerdoti fungevano anche da interpreti dei sogni. I sogni erano tra gli oggetti registrati dagli antichi egizi sotto forma di geroglifici. Si pensava che coloro i cui sogni erano particolarmente vividi o significativi fossero benedetti e ricevessero uno status speciale in queste antiche società. Allo stesso modo, si pensava che le persone in grado di interpretare i sogni ricevessero questi doni direttamente dagli dei e godessero anche di uno status speciale nella società.

Ci sono oltre 700 menzioni di sogni nella Bibbia e le persone nei tempi biblici consideravano i sogni molto significativi. I sogni e le loro interpretazioni sono menzionati in molti dei libri più significativi della Bibbia e in altre sacre scritture.

In molti casi, i sogni erano spesso visti come una forma di profezia. Le persone spesso interpretavano i loro sogni come presagi o avvertimenti e adattavano le loro attività di conseguenza. I sogni erano spesso considerati presagi di divinità, messaggi di spiriti o messaggi di anime defunte. In alcuni casi, i sogni erano addirittura visti come opera di demoni, destinati a confondere e turbare il sognatore.

I sogni erano così importanti che spesso dettavano le azioni dei leader politici e militari, influenzando tutto, dal proseguimento di una battaglia all’esito di una decisione politica. Si pensava anche che i sogni fornissero indizi vitali ai guaritori e venivano usati nella diagnosi e nel trattamento di tutti i tipi di malattie.

Sognare è stato spesso considerato dalle popolazioni indigene come un modo per entrare in comunione diretta con divinità e spiriti, e i sogni sono ancora usati in questo modo dalle culture di tutto il mondo. Molte persone credevano, e alcune lo credono ancora, che durante il sonno onirico l’anima lascia il corpo e comunica con il mondo degli spiriti.

I cinesi erano una cultura che credeva che l’anima lasciasse il corpo ogni notte durante il sonno onirico. Credevano che se il sognatore fosse stato improvvisamente svegliato, l’anima avrebbe potututo non essere in grado di tornare al corpo. Ecco perché alcuni cinesi sono ancora diffidenti sull’uso delle sveglie. Questo è solo un esempio di come le antiche leggende possono indugiare nel mondo moderno.

Alcune società indigene messicane e native americane condividono questa antica visione dell’importanza dei sogni e condividono la credenza di una dimensione separata che viene visitata durante il sonno onirico. Queste persone credevano che i loro antenati defunti vivessero nei loro sogni e che fossero in grado di assumere forme come animali e piante. Quindi i sogni erano visti come un modo per comunicare con i loro antenati recenti e antichi e per raccogliere saggezza e conoscenza che li avrebbero serviti nella loro vita da svegli. I sogni erano anche visti come modi per raccogliere informazioni sul loro scopo o missione nella vita.

Il punto di vista sul sogno cambiò radicalmente all’inizio del 19° secolo, e i sogni di quell’epoca venivano spesso liquidati come reazioni all’ansia, ai rumori esterni o persino al cibo cattivo e all’indigestione! A quell’epoca, si pensava che i sogni non avessero alcun significato e l’interesse per l’interpretazione dei sogni quasi svanì. Tutto questo cambiò, tuttavia, con l’arrivo di Sigmund Freud più tardi nel 19° secolo. Sigmund Freud ha sbalordito il mondo della psichiatria sottolineando l’importanza dei sogni e ha fatto rivivere l’arte un tempo morta dell’interpretazione dei sogni.

Oggi noi conosciamo l’importanza del sogno per conoscere il nostro subconscio ma anche per lavorare energeticamente ed entrare, ad esempio, in contatto con i maestri ascesi e visitare i templi di luce eterici.

Approfondiremo presto!

Spero che questo excursus sul sogno ti sia piaciuto.

Tanta Luce,

Erika

close
Iscrizione alla Newsletter

Hey, ciao 👋
Piacere di conoscerti.

Ti segnaleremo via email i nuovi articoli.

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Add A Comment